News

  • Storie a lieto fine: documenti e libri recuperati
  • In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2019, domenica 22 settembre, l’Archivio di Stato di Bologna effettua un’apertura straordinaria per presentare i servizi resi al pubblico.

  • In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2019, domenica 22 settembre, l’Archivio di Stato di Bologna effettua un’apertura straordinaria per presentare i servizi resi al pubblico e illustrare, insieme alla Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna, alcune recenti attività di recupero di beni documentari e librari statali e non statali effettuati a seguito di controlli sul mercato antiquario o di altre vicende di trasmissione di complessi documentari, grazie alla collaborazione del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e delle Soprintendenze archivistiche e bibliografiche di altri territori regionali.

    Programma

    ore 9.30-12.30 e 15-18
    Sala di studio
    Apertura straordinaria della sala di studio dell’Archivio di Stato di Bologna, con illustrazione al pubblico del servizio reso all’utenza, della banca dati del patrimonio dell’Istituto, la presentazione di alcuni inventari significativi e dei servizi a cui si può accedere attraverso le banche dati realizzate negli ultimi anni.

    ore 10.30-12
    Sala conferenze
    Illustrazione degli interventi di recupero di beni documentari e librari statali che hanno visto come protagonista l’Archivio di Stato di Bologna. Verranno presentati i casi di quattro pergamene dell’Abbazia di Santa Lucia di Roffeno (1109-1229) e di una bolla pontificia dei Canonici di San Salvatore del 1169.

    Interventi di
    Massimo Giansante (Archivio di Stato di Bologna)
    Paola Foschi (Deputazione di storia patria per le province di Romagna)

    ore 16-17.30
    Sala conferenze
    Illustrazione degli interventi di recupero di beni documentari e librari non statali seguiti dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna. Verranno presentati i casi del recupero di un volume della Biblioteca Maldotti di Guastalla, di documenti dell’archivio della famiglia toscana Gondi, di quattro pergamene della soppressa Canonica di Santa Croce di Cesena e di documenti del carteggio amministrativo preunitario del Comune di Bologna.

    Interventi di
    Elisabetta Arioti (Soprintendente archivistico dell’Emilia Romagna)
    Cristiana Aresti (Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna)
    Paola Furlan (Archivio storico comunale)

    Archivio di Stato di Bologna
    Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna
    Vicolo Spirito Santo 4, Bologna
     

    Data: 22 settembre 2019
    Luogo: Bologna, Archivio di Stato di Bologna
    Orario: Apertura straordinaria della sala di studio: 9.30-12.30 e 15.00-18.00 Conferenze: 10.30 e 16.00
    Telefono: +39 051223891/051239590
    E-mail: as-bo.comunicazione@beniculturali.it
    Sito web